Vai al contenuto

LA SAGA DELLA MENZOGNA

dicembre 1, 2019

12 avvertimenti sugli apocalittici cambiamenti climatici degli ultimi 30 anni, che non sono mai accaduti.

Mentre le Nazioni Unite lanciano la sua ultima serie di  avvertimenti sugli apocalittici cambiamenti climatici, le nazioni coinvolte effettuano “tagli più profondi e più rapidi” alle emissioni che mai, vale la pena dare un’occhiata indietro nella storia per vedere se tali terribili avvertimenti hanno un certo grado di precisione .

Per almeno tre decenni scienziati e attivisti hanno avvertito che il mondo è sull’orlo di una crisi del riscaldamento globale che inonderà le città costiere, distruggerà strade e ponti con mega tempeste e porterà carestie diffuse e miseria in gran parte del mondo.

L’unica soluzione, dicono, è introdurre la sanzione di nuove tasse e liberare il mondo dai combustibili fossili, carbone, gas naturale e petrolio, che fungono da pilastri della società moderna.

Solo un’azione rapida e radicale può evitare i peggiori effetti del cambiamento climatico causato dall’uomo, organismi internazionali come le Nazioni Unite hanno messo in guardia per decenni. Naturalmente, la civiltà umana non è crollata in quel periodo, nonostante decenni di previsioni catastrofiche che ci restano solo anni per evitare il disastro.

Da un rapporto del DCNF  : queste previsioni fallite, tuttavia, non hanno impedito alle Nazioni Unite e ad altri di rilasciare le più stravaganti e apocalittiche dichiarazioni.

Per celebrare quasi tre decenni di previsioni terribili, ossia menzogne, presentiamo questo elenco di alcune delle più incredibili profezie da giorno del giudizio fatte da scienziati, attivisti e politici:

1. Avvertimenti apocalittici a ripetizione

Un gruppo di 1.700 scienziati ed esperti ha firmato una lettera di 25 anni fa, avvertendo di un massiccio collasso ecologico e sociale, se non fosse stato fatto nulla per frenare la sovrappopolazione, l’inquinamento e, in definitiva, la società capitalista in cui viviamo oggi.

L’Unione degli scienziati interessati ha pubblicato una seconda lettera all’inizio di quest’anno, avvertendo ancora una volta delle terribili conseguenze del riscaldamento globale e di altri presunti mali ecologici. Ora con un numero di 15.000 persone, il gruppo avverte “presto sarà troppo tardi per spostare la rotta dalla nostra traiettoria fallimentare e il tempo sta per scadere”.

“Dobbiamo riconoscere, nelle nostre vite quotidiane e nelle nostre istituzioni governative, che la Terra con tutta la sua vita è la nostra unica casa”, hanno avvertito gli scienziati e gli esperti.

È un avvertimento terrificante, se ignori il fatto che nessuno dei loro avvertimenti del 1992 si è realizzato.

2. Il pianeta sarà “inabitabile” entro la fine del secolo

Lo scrittore del New York Magazine David Wallace Wells ha pubblicato un articolo di 7.000 parole, in cui si afferma che il riscaldamento globale potrebbe rendere la Terra “inabitabile” entro “la fine di questo secolo”.

L’articolo di Wallace Wells ha messo in guardia dai terrori, come “Morte calda”, “Piaghe climatiche”, “Collasso permanente economico” e “Oceani avvelenati”.

“In effetti, in assenza di un adattamento significativo al modo in cui miliardi di esseri umani conducono la propria vita, parti della Terra diventeranno probabilmente quasi inabitabili e altre parti orribilmente inospitali, già alla fine di questo secolo”, ha scritto Wallace Wells.

3. La scadenza del riscaldamento globale del Principe Carlo è passata … e non è successo nulla

Il Principe Carlo notoriamente avvertito nel luglio 2009 che l’umanità aveva solo 96 mesi di tempo per salvare il mondo “dal clima distrutto e dagli ecosistemi al collasso, e tutto ciò che va con esso.” Questo termine è passato, e il principe non ha rilasciato un aggiornamento per cui il mondo deve essere salvato.

Anche se il recente “Paradise Papers” mostra che Charles ha fatto pressioni sui legislatori britannici, per attuare politiche a beneficio dell’investimento della sua azienda, in una società delle Bermuda che produce silvicoltura sostenibile. Quindi, questo è.

4. Scioglimento dei ghiacci ora.

Lo scrittore e scienziato del clima liberale, Eric Holthaus, affermò che il riscaldamento globale provocato  dall’uomo, avrebbe innescato “l’apocalisse dello scioglimento del ghiaccio” a un ritmo “troppo rapido perché l’umanità potesse adattarsi”.

Holthaus ha avvertito che il collasso all’ingrosso di due ghiacciai antartici, Pine Island e Thwaites, potrebbe avvenire prima di quanto si credesse, con il risultato di “allagare le città costiere e creare centinaia di milioni di rifugiati climatici”. Sembra terribile, ma le sue conclusioni non sono realmente supportate dalla scienza.

“Penso che il suo articolo sia troppo pessimista: sopravvaluta la possibilità di un disastro. Troppo presto, troppo sicuro ”, Tamsin Edwards, uno scienziato che ha studiato l’Antartide, ha scritto in The Guardian sull’articolo di Holthaus.

5. Il 2015 è l’ultima “effettiva opportunità” per fermare il riscaldamento catastrofico

I leader mondiali riuniti in Vaticano hanno   rilasciato una dichiarazione  affermando che il 2015 è stata “l’ultima effettiva opportunità di negoziare accordi che mantengono il riscaldamento indotto dall’uomo al di sotto dei 2 gradi [Celsius]”.

Papa Francesco vuole pesare sul riscaldamento globale e dovrebbe emettere un’enciclica dicendo sostanzialmente la stessa cosa. Francesco, ha ribadito che il 2015 è l’ultima possibilità per fermare il riscaldamento massiccio globale.

Ma ciò che dovrebbe davvero dire è che la conferenza delle Nazioni Unite è l ‘”ultima” possibilità di concludere un accordo per arginare il riscaldamento globale … dallo scorso anno, quando le Nazioni Unite hanno detto sostanzialmente la stessa cosa sul vertice del clima del 2014.

6. Il ministro degli Esteri francese ha dichiarato che abbiamo solo “500 giorni” per fermare il “caos climatico”

Quando Laurent Fabius ha incontrato il Segretario di Stato John Kerry il 13 maggio 2014, per parlare di questioni mondiali, ha affermato che “abbiamo 500 giorni per evitare il caos climatico”.

Ironia della sorte al momento dei commenti di Fabius, le Nazioni Unite avevano programmato un vertice sul clima per incontrarsi a Parigi nel dicembre 2015, circa 565 giorni dopo le sue osservazioni. Sembra che le Nazioni Unite siano in ritardo di 65 giorni per salvare il mondo.

climate-scientist-save-jobs

7. L’ex presidente Barack Obama è l’ultima possibilità per fermare il riscaldamento globale

Quando Obama ha promesso alla campagna di “rallentare l’ascesa degli oceani”, alcuni ambientalisti potrebbero averlo preso alla lettera.

Il presidente della Fondazione delle Nazioni Unite Tim Wirth ha dichiarato a Climatewire nel 2012, che il secondo mandato di Obama è stato “l’ultima finestra di opportunità” per imporre politiche per limitare l’uso di combustibili fossili.

Wirth ha detto che è “l’ultima possibilità che abbiamo di ottenere qualcosa che si avvicina a 2 gradi centigradi”, aggiungendo che se “non lo facciamo ora, stiamo mettendo il mondo in un posto drasticamente diverso”.

Ancor prima, l’allora capo della National Aeronautics and Space Administration Goddard Space Flight Center, James Hansen, aveva avvertito nel 2009 che Obama “ha solo quattro anni per salvare la Terra”.

8. Ricordi quando abbiamo avuto “ore” per fermare il riscaldamento globale?

I leader mondiali si sono incontrati a Copenaghen, in Danimarca, nel 2009 per ritirare potenzialmente un altro trattato sul clima. Nello stesso anno, il capo del Green Party canadese scrisse che mancavano solo “ore” per fermare il riscaldamento globale.

“Abbiamo ore per agire ed evitare uno tsunami al rallentatore che potrebbe distruggere la civiltà come la conosciamo”, ha scritto Elizabeth May, leader dei Verdi in Canada, nel 2009.

“La Terra ha molto tempo. L’umanità no. Dobbiamo agire con urgenza. Non abbiamo più decenni, abbiamo ore. Lo segneremo in Earth Hour sabato. ”

9. Il Primo Ministro del Regno Unito Gordon Brown ha dichiarato che mancano solo 50 giorni per salvare la Terra

L’anno 2009 è stato un brutto periodo per le previsioni sul riscaldamento globale. Quell’anno Brown ha avvertito che ci sono stati solo “50 giorni per salvare il mondo dal riscaldamento globale”, ha riferito la  BBC . Secondo Brown non c’era “nessun piano B.”

Da allora Brown è stato messo fuori servizio.

10. Il principale scienziato delle Nazioni Unite per il clima ha dichiarato nel 2007 che avevamo solo quattro anni per salvare il mondo

Rajendra Pachauri, ex capo del gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, ha dichiarato nel 2007, che se “non c’è azione prima del 2012, sarà troppo tardi”.

“Ciò che facciamo nei prossimi 2-3 anni determinerà il nostro futuro. Questo è il momento decisivo “, ha detto.

Bene, è il 2017 e non è stato presentato alcun nuovo trattato ONU sul clima. L’unica cosa che è cambiata da allora è che Pachauri è stato costretto a dimettersi all’inizio di quest’anno, tra le accuse anche quella che ha molestato sessualmente diverse colleghe.

11. Gli ambientalisti hanno avvertito nel 2002 che il mondo aveva un decennio per diventare verde

Lo scrittore ambientalista George Monbiot, ha scritto nel Guardian del Regno Unito che entro “appena 10 anni, il mondo dovrà affrontare una scelta: l’agricoltura dei seminativi, o continua a nutrire gli animali del mondo o continua a nutrire le persone del mondo. Non può fare entrambe le cose. ”

Circa 930 milioni di persone in tutto il mondo sono state denutrite nel 2002, secondo i dati delle Nazioni Unite. Entro il 2014, quel numero si è ridotto a 805 milioni. Scusa, Monbiot.

12. Edizione degli anni ’80 dell’apocalisse sul riscaldamento globale

Alla fine degli anni ’80 le Nazioni Unite affermavano già che il mondo aveva solo un decennio, per risolvere il riscaldamento globale o affrontarne le conseguenze.

Il San Jose Mercury News riportava il 30 giugno 1989, che un “alto funzionario ambientale delle Nazioni Unite, Noel Brown, afferma che intere nazioni potrebbero essere spazzate via dalla faccia della terra dall’innalzamento del livello del mare, se il riscaldamento globale non si fosse invertito entro l’anno 2000 “.

Quella previsione non si è avverata 19 anni fa e oggi le Nazioni Unite stanno suonando lo stesso allarme.

Articoli correlati :

https://koenig2099.wordpress.com/2018/05/22/il-tentativo-delle-nazioni-unite-di-creare-un-patto-sui-cambiamenti-climatici-legalmente-vincolante/

https://koenig2099.wordpress.com/2018/11/01/al-gore-ammette-che-il-rapporto-sui-cambiamenti-climatici-dellonu-e-stato-rafforzato/

https://koenig2099.wordpress.com/2019/01/29/lo-scienziato-harold-lewis-disse-che-il-riscaldamento-globale-e-una-truffa-da-miliardi-di-dollari/

https://koenig2099.wordpress.com/2019/11/10/lo-scienziato-padre-del-riscaldamento-globale-ammette-infine-che-la-teoria-e-sbagliata/

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: