Skip to content

E COME INSETTI MORIREMO

ottobre 20, 2017

Chi è a conoscenza del genocidio perpetrato tramite il rilascio di sostanze altamente tossiche nei cieli di tutto il Mondo, avrà certamente notato lo spaventoso declino delle condizioni climatiche, con assenza di piogge e nebbie chimiche di ricaduta come mai viste. Il tutto chiaramente, a danno di ogni singolo essere vivente su quel che rimane del nostro pianeta.

Dopo la drastica riduzione di api e pipistrelli ora tocca agli insetti, come del resto era deducibile, non dimenticando che ai dati attuali spariscono con essi, dai nove ai dodici milioni di esseri umani all’ anno, che tra breve raddoppieranno e triplicheranno, visto l’ impennata d’ inquinamento che stiamo vivendo negli ultimi mesi.

Il theguardian pubblica alcuni giorni fa, un articolo di uno studio riferito ad alcune zone protette della Germania, che è cosa ancora più allarmante visto che son “protette”, sulla moria d’ insetti che li vede in caduta libera nell’ arco di soli venticinque anni, e si e no corrisponde con l’ inizio delle operazioni di geoingegneria, da noi conosciute come scie chimiche.

L’ articolo dice questo:

ATTENZIONE AD UN ARMAGEDDON ECOLOGICO DOVUTO ALLA DRASTICA DIMINUZIONE DEGLI INSETTI

Insetti catturati in una trappola malessere

Tre quarti degli insetti volanti nelle riserve naturali in tutta la Germania sono scomparsi in 25 anni, con gravi implicazioni per tutta la vita sulla Terra, dicono gli scienziati. L’abbondanza di insetti volanti si è affievolita di tre quarti negli ultimi 25 anni, secondo un nuovo studio che ha scosso gli scienziati. Gli insetti sono parte integrante della vita sulla Terra sia come impollinatori che prede per la fauna selvatica, ed era noto che alcune specie come le farfalle erano in declino. Ma la scala di recente rivelata delle perdite di tutti gli insetti, ha fatto affermare che il Mondo è “nel corso di un Armageddon ecologico, con profondi impatti sulla società umana. I nuovi dati sono stati raccolti in riserve naturali in tutta la Germania ma hanno implicazioni per tutti i paesaggi dominati dall’agricoltura, hanno detto i ricercatori. La causa dell’enorme diminuzione è ancora poco chiara, anche se la distruzione delle aree selvagge e l’uso diffuso di pesticidi sono i fattori più probabili e il cambiamento climatico (inesistente) può svolgere un ruolo. Gli scienziati sono stati in grado di escludere il tempo e cambiare il paesaggio nelle riserve come cause, ma i dati sui livelli di antiparassitari non sono stati raccolti.

“Il fatto che il numero di insetti volanti stia diminuendo ad un tasso così elevato in un’area così vasta, è una scoperta allarmante”, ha dichiarato Hans de Kroon, presso l’Università Radboud nei Paesi Bassi che ha guidato la nuova ricerca. “Gli insetti compongono circa i due terzi di tutta la vita sulla Terra [ma] c’è stata una sorta di orribile declino”, ha detto il prof. Dave Goulson dell’Università di Sussex, Regno Unito, e parte del team dietro il nuovo studio. “Sembriamo che stiamo facendo grandi quantità di TERRE INOSPITALI alla maggior parte delle FORME di VITA, e stiamo attualmente in corso di un Armageddon ecologico. Se perdiamo gli insetti, tutto andrà a crollare “. La ricerca, pubblicata nella rivista Plos One , si basa sul lavoro di decine di entomologi dilettanti in tutta la Germania che hanno cominciato a utilizzare rigorosamente modalità di raccolta standardizzati di insetti nel 1989. Tende speciali chiamate “trappole di malessere” sono state usate per catturare più di 1.500 campioni di tutti gli insetti, su 63 riserve naturali diverse.

Le trappole di malessere sono state poste in aree protette in Germania come parte dello studio

Quando è stato misurato il peso totale degli insetti in ciascun campione, è stato rivelato un crollo deludente. La media annua è diminuita del 76% nel periodo di 27 anni, ma la caduta è stata ancora maggiore – 82% – in estate, quando i numeri degli insetti raggiungono il loro picco. I precedenti rapporti di declino degli insetti sono stati limitati a particolari insetti, quali farfalle europee di pascolo , che sono diminuite del 50% negli ultimi decenni. Ma la nuova ricerca ha catturato tutti gli insetti volanti, tra cui le vespe e le mosche che sono raramente studiate, rendendolo un indicatore molto più forte del declino. Il fatto che i campioni siano stati prelevati in aree protette rende i risultati ancora più preoccupanti, ha dichiarato Caspar Hallmann all’Università di Radboud, anche parte del gruppo di ricerca afferma: “Tutte queste aree sono protette e la maggior parte di esse sono riserve naturali ben gestite. Eppure, questo drammatico declino è avvenuto “.

insetti

Gli entomologi dilettanti hanno anche raccolto dettagliate misure del tempo e registrato cambiamenti nelle specie di paesaggio o vegetale nelle riserve, ma ciò non potrebbe spiegare la perdita degli insetti. “Il tempo potrebbe spiegare molte delle oscillazioni all’interno della stagione e tra gli anni, ma non spiega la rapida tendenza al ribasso”, ha detto Martin Sorg della Società Entomologica Krefeld in Germania, che ha guidato gli entomologi dilettanti.

Goulson ha detto che una spiegazione probabile potrebbe essere che gli insetti volanti muoiano quando lasciano le riserve naturali. “Il terreno agricolo ha poco da offrire per qualsiasi creatura selvaggia”, ha detto. “Ma esattamente ciò che sta causando la loro morte è aperto alla discussione. Potrebbe essere semplicemente che non ci sia cibo o potrebbe essere, in modo più specifico, l’esposizione a PESTICIDI CHIMICI ( AVIO DISPERSI) o una combinazione dei due “. A settembre, un consulente scientifico principale del governo britannico ha avvertito che le autorità di regolamentazione in tutto il mondo, hanno assunto la falsa ipotesi che sia sicuro utilizzare pesticidi a scala industriale in tutti i paesaggi e che “gli effetti del dosaggio su paesaggi interi con sostanze chimiche siano state largamente ignorate”. (VOLUTAMENTE) 

Gli scienziati hanno detto che sono necessari ulteriori lavori per corroborare i nuovi risultati in altre regioni e, per esplorare il problema in modo più dettagliato. Mentre la maggior parte degli insetti vola, può essere che coloro che non lo fanno, lasciano meno le riserve naturali e stanno migliorando. È anche possibile che gli insetti più piccoli e più grandi siano colpiti in modo diverso, e tutti i campioni tedeschi sono stati conservati e saranno ulteriormente analizzati. Nel frattempo, ha detto De Kroon: “Dobbiamo fare di meno le cose che sappiamo hanno un impatto negativo, come l’uso di pesticidi e la scomparsa dei confini delle terre coltivate a fiori”.

Uccello che mangia un insetto

Lynn Dicks presso l’Università di East Anglia, Regno Unito, e non coinvolto nella nuova ricerca, ha dichiarato che il lavoro era convincente. “Fornisce importanti nuove prove per un declino allarmante che molti entomologi hanno sospettato stia avvenendo da un certo tempo”. “Se la biomassa di insetti di insetti in pieno sta diminuendo realmente a questo ritmo – circa il 6% all’anno – è estremamente preoccupante”, ha detto. “Gli insetti volanti hanno delle funzioni ecologiche veramente importanti, per cui i loro numeri contano molto. Impollinano i fiori, le mosche, le falene e le farfalle sono importanti quanto le api per molte piante da fiore, tra cui alcune colture. Forniscono cibo per molti animali, uccelli, pipistrelli, alcuni mammiferi, pesci, rettili e anfibi. Le mosche, gli scarafaggi e le vespe sono anche predatori e decompositori, controllando i parassiti e ripulendo il posto in generale “.

Un altro modo per campionare gli insetti è sul parabrezza dell’ auto, che è stato spesso utilizzato suggerendo un forte declino visto la minore collisione con essi, e con la gente che ricorda il contrario in passato, lo ricordo anche io. “Penso che sia reale”, ha detto Goulson.

Lo dissi alcuni anni fa, moriremo come insetti, ecco, appunto.

 

 

 

One Comment
  1. L’ha ribloggato su reparto27.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: